Siamo alle solite...

e si parla di scuola e dislessia , tanto per cambiare... Oggi, Giulio è stato interrogato in storia della Musica : voto 8, e poi, tanto per gradire, in Inglese: voto 4 e mezzo... La proffe gli ha chiesto in inglese (stretto) regole verbali e grammaticali, paradigmi verbali e poi dopo aver guardato il libro delle vacanze fatto a metà, perchè abbiamo preferito usare i libri di inglese ad hoc per dislessici, gli ha detto che quel libro si poteva vendere, tanto non  era stato usato, dandogli in pratica del somaro perchè non capisce nulla e secondo lei non studia un tubo... Bene, domani mattina andrò a scuola, ed interrogherò io la proffe più che sessantenne ( visto che era la prof di mia sorella alle medie e mia sorella ha 42 anni) sventolandole davanti al naso la copia del plico sulla dislessia che ha avuto all'inizio della scuola, così vediamo se ha letto qualcosa, quella zucca vuota... ARGGGGGGRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR potrei morsicare qualcuno! Ma per la miseria, è mai possibile che ci siano prof così deficienti?!?!? e uso la parola deficiente con radice latina, da deficio: mancare... Infatti sono mancanti, ignorano, o non vogliono mettersi in gioco con qualcosa che si rifiutano di capire.... Peccato... ora una legge di stato sulla dislessia c'è, va applicata e lei è in difetto... Domani mi sente... Anche perchè sono stufa di veder mio figlio stressato con i lacrimoni ... e che cavolo! se non studiasse , sarei la prima a prenderlo a ceffoni, ma sono li con lui!!!! Quando la scuola sarà finita, sarò di nuovo felice.....


 

Commenti

  1. L'arroganza di chi sa di non sapere è una delle cose più detestabili. Sembra tanto una ripicca per l'assenza di sabato.
    Roberta

    RispondiElimina
  2. é quello che ho pensato anche io... Naturalmente stamattina non si trovava da quelle parti, ma guarda un po....

    RispondiElimina
  3. Laura, ti devo scrivere per consigli su dislessia! Ho capito che anche mia figlia ne soffre, per fortuna in modo molto leggero...
    Lei è disgrafica, scrive allo specchio, mette in ordine in numeri da destra verso sinistra... e ovviamente l'esercizio viene conteggiato tutto sbagliato...

    RispondiElimina
  4. Ciao Laura,leggo i tuoi post sulla dislessia e mi arrabbio come te ! Ho anch' io un figlio dislessico e...mi viene voglia di piangere per tutto quello che deve sopportare...l' ignoranza di alcuni insegnanti ,la cattiveria di alcuni bambini ( che sanno essere crudeli !)la stupidità di certi "adulti" che non conoscono la dislessia e ne parlano come se si trattasse di persone "anormali"....io lotto per lui , lo aiuto ,spacco il mondo se serve ( come tutte le mamme )ma quando sono sola piango perchè vedo lui piangere e soffrire...io lotterò SEMPRE!!ma non è che veda collaborazione o comprensione...spero che la legge serva davvero a cambiare le cose ...per non veder più soffrire mio figlio ...e tutti i meravigliosi dislessici che si massacrano sui libri e che,( è ora che chi dice cretinate lo capisca!)sono MOLTO intelligenti e TROPPO sensibili...
    scusa lo sfogo,un abbraccio, Maria

    RispondiElimina
  5. Maria, nessuna scusa, ti capisco benissimo! Tutti i ragazzi dislessici hanno un Q.I. veramente alto, purtroppo sono intrappolati in un mondo di persone lente e normali, loro che vanno in 6 marcia, capiscono tutto al volo ma si debbono scontrare con una scuola vecchia e adesso anche peggiorata a livello qualitativo... se hai bisogno, scrivimi!!! lo stesso vale per te, Laura!
    Un abbraccio ad entrambe!

    RispondiElimina
  6. Sto pensando sinceramente di portare anche Ga a fare i test... quest'anno è iniziato male.... e anche qui, se non studiasse.... ma io lo vedo, ripete e ripete, scrive, legge... mi sa che i due centesimi che mancavano due anni fa alla diagnosi non erano tanto ben ponderati.... Intanto martedì ci sarà la prima riunione ed io mi candiderò a rappresentate.... L'unica nota positiva è che i suoi prof sono d'oro....
    Lara

    RispondiElimina
  7. IMio figlio è ciò che che c'è di più prezioso nella mia vita e capisco la vostra rabbia, il vostro sconforto nel vederli stare male. Deve essere un pugno al cuore ma continuate a lottare, continuate e riducete in polpette queste persone ignoranti che fanno del male ai bambini/ragazzi.
    Mio figlio per fortuna non ha di questi problemi ma è molto sensibile e mi metto nei vostri panni, da mamma.
    Vi abbraccio forte forte e CORAGGIO CORAGGIO CORAGGIO!
    Carla

    RispondiElimina

Posta un commento