una passeggiata spezzata...

La bruma sale alta sui campi e sulle colline, in giro solo silenzio e la "tata" alias boxer di 40 kg , all'anagrafe Shary, mi trotterella al fianco...qualche uccellino canta fra le fronde della stradina che si snoda fra il boschetto di noccioli ed i campi arati...Con il quaderno alla mano faccio schizzi veloci, una foglia sembra un mantello orlato di rugiada mattutina... Chi potrà mai usarlo? e i fiorellini gialli delle bocche di leone sembrano babbucce.... per non parlare delle piccole bacche rosse...o le ghiande, il loro picciolo, una volta staccatosi sembra un buffo cappellino... o piccoli orecchini pendenti per le fate più grandi...Questi boschi e queste stradine sono popolate , eccome se lo sono! e non solo di uccelli, ranocchiette piccole qualglie che si infrattano e bellissime volpi, ma anche dal piccolo popolo...La Tata annusa, trotterella torna indietro va avanti... poi di colpo si ferma.... e tutto tace di nuovo... E' un attimo, la vedo di sfuggita, non è la solita fata, ma è triste, sembra quasi piangere, seppur bellissima, un avvertimento? Si, perchè Shary ringhia forte , increspa il pelo e compare un cacciatore... Caccio un urlo, e subito gli inveisco contro... Ma che ci fa li, adesso non si può stare tranquilli e sicuri neanche qui... C'è il divieto! Gli dico di andarsene e di tenere i cani, o lascio che Shary li azzanni, non è dolce affato quando sente un pericolo.....Guardo giù, attraverso il campo.... E ce ne sono altri 5 che vengono avanti con le mute.... Adesso so perchè lei era triste.... Decido all'istante che devo cambiare aria, e me ne torno di corsa a casa....L'incantesimo si era spezzato...e mi sono trascinata poi la tristezza di quel volto per tutto il giorno...

Commenti