venerdì 1 giugno 2012

fermi tutti! c'è il "pastore tedesco"!!!!

e qui so già che mi arriveranno strali a destra e manca, ma sinceramente non me ne importa assolutamente nulla, perché alle 17,00 questa sera arriva il papa a milano, e quindi tutta la protezione civile  della regione lombardia è stata bloccata a suo uso e consumo...
Chissenefrega se in romagna hanno bisogno di tende, posti letto, viveri e gente disposta ad aiutare... no, bisogna fermare i volontari pronti a partire per piantonare le strade anche di notte per il passaggio di sua "santità"....  più di 3 milioni di euro spesi per sta visita del cavolo, invece di essere coerente e devolvere questi 3 milioni a tutta la Romagna che ne ha davvero bisogno... così avrebbe trovato un modo per farsi non dico amare, ma almeno rispettare... invece non rimane altro che un "pastore tedesco".....

13 commenti:

  1. Grande Laura,hai pienamente ragione!!E' assurdo!!!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao Laura hai totalmente ragione,e in tanti la pensano cosi'
    Cinzia

    RispondiElimina
  3. Si, hai proprio ragione, quanto spreco quando c'è gente che soffre e non ha più un tetto sopra la testa!!!

    RispondiElimina
  4. Sfondi una porta aperta, sono veramente scandalosi e assurdi questo spreco di soldi ed energie di fronte a tanta sofferenza!
    Mila

    P.S: il commento sopra l'ho cancellato io, erroneamente avevo pubblicato con il profilo di mio figlio! Sorry!

    RispondiElimina
  5. Io sono cattolica Laura, ma hai perfettamente ragione, era una scelta che doveva fare lui, noi possiamo aiutare, ma quei soldi avrebbero anche dimostrato che veramente il papa era vicino alle popolazioni terremotate con i fatti e non solo con le parole. Baci Simonetta

    RispondiElimina
  6. Ma quanta ragione hai!!!

    RispondiElimina
  7. Si hanno paralizzato mezza milano e zone limitrofe per niente! un vero spero di soldi...sopratutto in un momento di stenti e di sofferenza per questo grosso trauma dell'emilia! Predica la sofferenza e la povertà...ma se rinunciasse alle sue scarpe di Prada e a qualche anello e lo desse alle vere famiglie che hanno bisogno sarebbe davvero bello...e forse si farebbe amare di più come il suo predecessore!
    Bacio Chiara

    RispondiElimina
  8. Pienamente d'accordo, e non aggiungo altro sennò divento polemica... :O(

    RispondiElimina
  9. Elemosina... è quello che lascia, come si lasciano 50 centesimi al barbone fuori dalla porta della chiesa. Lascia le offerte raccolte durante la Messa di domenica. Che sono certamente meglio di un pugno negli occhi ma sono un'inezia rispetto a quanto è stato speso e sottratto a chi ne ha bisogno per un evento del genere.
    Roberta

    RispondiElimina
  10. Con tutto il rispetto per i pastori tedeschi pelosi... che se si arrabbiano quelli!!!
    Hai ragione... la pensiamo esattamente così!!!
    Lara

    RispondiElimina
  11. Scusa Laura ma io ci terrei tanto a fare una precisazione andando un pò fuori tema col tuo post: il terremoto NON è stato in Romagna ma in EMILIA!!! È grazie a queste imprecisioni (non solo tua, per caritá, fior di giornalisti purtroppo hanno commesso questo errore)....dicevo: è grazie a questa imprecisione che qui in Romagna, dove viviamo di turismo, ora fioccano fior fiori di cancellazioni di prenotazioni. Interi pullman di turisti disdicono e non vengono più, perchè "da voi- dicono- c'è stato il terremoto".
    Il danno è già stato grande in Emilia.
    Per favore evitiamo di farlo grosso anche alla Romagna..... (anche se oramai, temo, sia troppo tardi.....)

    RispondiElimina