riprendiamo il corso....

ebbene si... al rientro dalla fiera ho trovato l'atelier imbragato come una salsiccia, perchè hanno messo il ponteggio per riparare il tetto del condominio, quello che mi aveva causato il disastro in magazzino quest'inverno e anche nell'atelier... il problema è stato far capire che mi dovevano aprire un varco per poter entrare almeno in ufficio.... contate che non esiste una dia dei lavori, non esiste un preventivo nè quantomeno un verbale di riunione condominiale nel quale si avvallino i lavori.... ma siamo in Italia.... e questo la dice lunga ...

Scuola: mi sembra logico che se l'anno scorso, con tutto quello che giulio ha dovuto subire prima del trasferimenti sotto le sgrinfie di elena per la matematica, e finalmente rinascere con una professoressa furba, quest'anno debbano averla cambiata di corso ( non potevano lasciarla assegnata alla sua classe????) ne abbiano messa una che è sorella di elena e che a Giulio ha già sparato un 3/4 in matematica , bollandolo come deficiente totale.... e anche qui , in settimana comincerò ad andare ai colloqui con i proffe, e spiegare anche a questa ( ma le certificazioni in segreteria valgono qualcosa o è carta straccia?????) per la milionesima volta che Giulio è dislessico, discalculico e bla , bla, bla.... La cosa ormai mi sta dando al voltastomaco, tanto che vorrei che la scuola finisse in un lampo....io che amavo la suola, ora attraverso i patimenti di mio figlio e le lotte semi-quotidiane ne sono diventata allergica....

Genitori: nota dolentissima.... Nulla è cambianto anzi, se la cosa poteva essere risolta con un semplice " mea culpa" abbiamo sbagliato e non sapppiamo perchè, no, le cose sono peggiorate fino all'indifferenza.... io ci soffro, non capisco come dei genitori, io che lo sono, possano voler stare nell'oblio, fuori da tutto e non farsi sentire o vedere se non sono io a chiamarli, ovviamente adesso una volta alla settimana... ma quello che ne viene fuori sono solo parole di circostanza, quelle che scambieresti con conoscenti, neanche con il vicino di casa, perchè qualcosa in più di te sa.... e questo mi rende estremamente triste... perchè mi rimanda a quando sono stata messa in collegio da ragazzina, con mia sorella... il collegio non è il massimo della vita, alla fine capisci che sei una valigia da sistemare, e che quando torni a casa il fine settimana, tu non hai un posto in quella casa... non hai vissuto.... sei straniero in un territorio che dovrebbe essere sinonimo di amore, rifugio, tenerezza e complicità e comprensione e perdono... da allora io avevo ripromesso a me stessa che mai nella vita se avessi avuto un figlio l'avrei trattato così, con tanto distacco... e per fortuna, credo di essere riuscita a formare una famiglia con una casetta che è un nido.... non vorrei mai che mio figlio un giorno domani dovesse soffrire come soffro io per i miei genitori.... quello che più mi avvilisce e mi rende furiosa è che loro, non sembrano soffrirne... l'unica cosa che posso dire è che stare da soli, lontani da casa fin da ragazzini , ti forgia enormemente il carattere, ti rende durissima, ma anche infinitamente sola a livello emotivo, perchè ti rendi conto di appartenere solo a te stessa, e di desiderare poi di appartenere ad una famiglia tua, quando e se il buon Dio ti concederà di avere una simile fortuna.... ed il mio amore grande, e quello piccolo, insieme alla mia cagnotta ed alla miciotta e ci metto anche mia suocera, sono tutto ciò che ho al mondo... insieme adesso, ultimamente, ad una sorella che ha dovuto subire i mie stessi patimenti....

Ma la vita va avanti.... le rose in giardino sono rifiorite e le ortensie hanno già su le gemme pronte a scoppiare in primavera.... Panta rei.... tutto scorre, tutto passa....

Commenti

  1. Sicuramente hai due bei muri davanti! La scuola, che è un mondo a sè e chiede ai genitori collaborazione ma di sè non molla un centimetro di compassione perchè "qui è così che funziona" e i buoni insegnanti sono come le mosche bianche, più unici che rari, e i genitori: mio marito dice sempre "a quell'età cosa vuoi mettergli in testa? son così e ci puoi solo convivere" (e i miei sono poco più che 50enni).
    Quanto ai lavori in corso, mi chiedo come caspita abbiano fatto a partire! Sono 6 anni che vado avanti con la mia casa e non posso spostare una pietra senza il consenso firmato di Comune , geometra, periti e chi più ne ha più ne metta! Non posso neanche riverniciare i balconi della casa dove vivo senza il consenso degli altri condomini, figuriamoci farci dei lavori sul tetto! Bhò, mistero...
    Morena

    RispondiElimina
  2. Infatti tutto il condominio sta chiedendo lumi,visto che il tetto è lastrico solare e tutti dovremo pagare in proporzione ai millesimi...ma cosa e quanto non ci è dato sapere, né tanto meno cosa l'impresa stia esattamente facendo.... L'amministratrice nicchia,io poteri anche fermare tutto con una denuncia,ma mi metterei in pericolo per l'agibilità del mio ufficio....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono daccordo, bloccare i lavori non fa bene a nessuno ma "placcare" in un angolo l'amministratrice e costringerla a chiarimenti si può fare eccome! A volte basta anche solo la minaccia di denuncia e rimettere a posto certe persone. E' giusto riparare i danni ma è giusto anche non dover poi rivendere una proprietà per pagare il lavoro svolto! I soldini mica crescono sugli alberi! Hai tutta la mia comprensione, che a poco serve nel reale ma magari può essere un appoggio morale. Auguri x tutto! E di al tuo Giulio di non abbattersi mai davanti all'ottusità di insegnanti e istituzioni che x fortuna non sono proprio tutti così!

      Elimina
  3. Per tuo figlio i prof. non hanno stilato un PDP secondo il modello AID? Io ci ho lavorato fino a sera tarda per i miei ragazzi DSA (per questo non ricamo...); fai valere la legge, non si può non contemplare le misure dispensative/compensative!
    Per i tuoi, capisco quello che vuoi dire, ma rassegnati, è dura, ma "panta rei" davvero...
    Un bacione
    Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io so bene cosa sia il pdp...piu volte compilato per Giulio insieme alla logopedista e gli insegnanti alle medie...alla scuola.odierna ne HP dato una copia dell'ultimo fatto in 3 media a gennaio di quest'anno,dopo il trasferimento,insieme alla diagnosi e certificazione di dsa stilata dal neuropsichiatra di Giulio per bene 3 cicli scolastici.... Sanno benissimo quali sono le sue difficoltà,ma ogni volta devo continuare a ripetere,chiedere,rompere...

      Elimina
  4. uffaaa.....ma io dico....la sfiga non puo andare un annetto in vacanza??? cosi giusto per stare un po' tranquilli!! Appena tutto sembra andare nella giusta direzione ecco che tutto cambia!
    Dai Laura! Forza!
    Un bacione!!! Chiara - http://langolodellacalzetta.blogspot.it/

    RispondiElimina
  5. Cucciola!!!! Ti capisco e forse sai già che ti capisco per tutti e due gli argomenti... Che dire: forza e coraggio e si va avanti!!!!
    Lara

    RispondiElimina
  6. Da un lato, considerato l'allagamento subito e non ancora smaltito, fermare i lavori sarebbe quanto meno controproducente ma ha ragione chi ti suggerire di intimare all'amministratore di fornire spiegazioni. Tanto dirà che si tratta di lavori urgenti.
    Genitori/parenti e discorsi di circostanza, io mi ci sono abituata. Pensa che è da agosto che non sento mio fratello e chiamo mia madre una volta a settimana, telefonate metereologiche e poco più.
    Scuola, non so che dirti, purtroppo certi muri sono più resistenti del muro di Berlino, quello, alla fine, è caduto.
    Roberta

    RispondiElimina
  7. Lauraaaa......la fatina del Nataleeee !!!!!

    RispondiElimina

Posta un commento