Di tutto un po...

Nnatale è fuggito sotto l'uscio, passando in sordina...

Giulio in questo periodo così assurdo, ha continuato il suo stage al ristorante "selvatico", con il risultato che seppur stanco traspare dal suo volto una serenità ed una completezza che vorrei durassero per sempre... se solo lo prendessero poi... hanno tanto tanto lavoro ... e lui ormai fa tutto ciò che viene portato in sala... dal pane fresco tutti i giorni ai tagliolini agli agnolotti alle tortine salate ai polli ripieni , stinchi patate, fettuccine al cioccolato... e chi più ne ha ne metta...spesso porta a casa il pane fresco fatto da lui oppure replica i tortini di patate o i sughi... lui è felice cosi...e io lo vorrei per sempre... l'unica cosa che ho ricamato in questo periodo è stato un grembiule in lino francese per la chef del ristorante, su richiesta di Giulio stesso che la titolare ha veramente molto apprezzato... altro non ho fatto... 
anche perché sono 20 giorni esatti che andiamo avanti e indietro 2 volte al giorno in ospedale...  questa mattina è stata fatta la cronografia, che ha evidenziato lo sfacelo totale. devono essere fatti 3 bypass, perché mia suocera è una bomba ad orologeria...
 e siamo arrivati a questo per colpa di una setticemia, dovuta dal piede sinistro con 2 dita in cancrena ( amputate) ma soprattutto dovuta a monte, per l'incuria totale verso se stessa e il suo diabete trentennale mai mai curato, ma sempre sottovalutato, nonostante gli urli e gli strepiti miei e di mio marito.... ma non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire ... ed alla fine il nostro corpo ti presenta il conto e più sei stato brutale con lui, più esso ti ripaga con l'avvicinarsi della morte per vie tortuose e vendicative...

Se darà il consenso, i 3 bypass verranno fatti quanto prima, ma ora deve convincersi che è necessario....

Fra tutte le cose da giostrare ora ho dovuto adottare anche il suo cagnolino: uno yorkshire scorbutico e isterico che.... nel giro di venti giorni è diventato angelico, coccolone e incredibilmente dolce... sono bastati un po di affetto, e di meno pappa ( era obeso)  per far nascere un cagnetto felice e di compagnia....

Altro da dire? no... solo che le giornate sono terribilmente corte, che devo incastrare un mucchio di cose fra loro e faccio fatica davvero... ma devo prendere le cose così come vengono, di giorno in giorno e andare avanti....

Commenti

  1. Che dire....speriamo che il 2014 ti permetta "di tirare un po il fiato" e che le cose più serie si evolvano al meglio.
    Un abbraccio
    Mila

    RispondiElimina
  2. La vita ci mette davanti a piccole e grandi prove, non sai quanto ti capisco. Un abbraccio Anna

    RispondiElimina
  3. Ciao Laura ti capisco benissimo. Anche noi stiamo assistendo una storia simile,una nostra amica
    di soli 54 anni "ribelle" in ospedale da 20 giorni un dito amputato e tre bypass da mettere.
    Non accetta la realtà si è tirata in odio dottori e infermieri suo marito e sorella son disperati.
    Ti faccio tantissimi AUGURI di buon anno
    Un abbraccio Giuseppe

    RispondiElimina

Posta un commento